Progetti di ricerca: bando in Veneto

logo regione venetoCon l’obiettivo di finanziare la realizzazione di percorsi di ricerca applicata a carattere altamente innovativo, la Regione Veneto promuove il bando

“La ricerca a sostegno della trasformazione aziendale – Innovatori in azienda”

iniziativa basata sulla concessione di assegni di ricerca a beneficio di ricercatori e centri di ricerca locali.
Il fine è quello di incentivare la collaborazione tra sistema universitario e sistema produttivo regionale, andando incontro ai fabbisogni d’innovazione e favorendo lo sviluppo tecnologico delle imprese del territorio.
Destinatari
Possono beneficiare degli assegni di ricerca i giovani under 35, disoccupati o inoccupati con diploma di laurea o laurea specialistica/magistrale interessati ad avviare attività di ricerca applicata preso le aziende partner.
«Gli Atenei, gli enti e le istituzioni accreditate – o in fase di accreditamento – nell’ambito della formazione superiore possono presentare progetti di ricerca, anche in mobilità interregionale e transnazionale, in uno dei 4 ambiti di specializzazione individuati dalla Regione del Veneto: Smart Agrifood, Sustainable Living, Smart Manufacturing, Creative Industries.»
Domande
Le domande devono essere presentate entro il 28 marzo, seguendo le indicazioni riportate nel bando.

Antitrust: bocciato l'equo compenso

LogoAntitrustL’Antitrust ha bocciato la possibilità di reintrodurre l’equo compenso, ovvero le tariffe minime che i professionisti possono chiedere per le prestazioni rese nei confronti dei committenti privati ma anche per la Pubblica Amministrazione. A prevedere la reintroduzione dei minimi tariffari era stato un emendamento al DL Fiscale n. 248/2017 della Commissione Bilancio del Senato, che però secondo l’Authoriry sarebbe in contrasto con le norme sulla concorrenza e con il processo di liberalizzazione delle professioni.

Equo compenso regole 2018
Le novità introdotte dal Decreto Fiscale riguardano:

1- le più stringenti le regole sull’equo compenso, che si applica a tutti i professionisti iscritti agli ordini e ai lavoratori autonomi: viene ritenuto legittimo il compenso proporzionato alla quantità e qualità del lavoro svolto e si rinforza il legame fra compenso pattuito e parametri ministeriali. I parametri economici di equità dei compensi vengono emanati con decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri entro 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto convertito, suddivisi per ogni figura professionale e aggiornati a cadenza biennale. L’importo dell’equo compenso deve essere stabilito con il parere delle associazioni maggiormente rappresentative delle categorie di liberi professionisti e autonomi;
2- l’eliminazione della possibilità di trattativa che porti a inserire nel contratto clausole potenzialmente vessatorie.
Equo compenso e concorrenza
L’estensione dell’equo compenso a tutte le prestazioni di opera intellettuale effettuate nell’ambito delle prestazioni di lavoro autonomo occasionale regolate dall’art. 2222 del Codice Civile e seguenti era stato ritenuto un passo importante da avvocati e professionisti, ma l’Antitrust non è dello stesso avviso, ritenendo che l’equo compenso e l’introduzione delle tariffe professionali fisse e minime costituiscano:
“Una grave restrizione della concorrenza, in quanto impediscono ai professionisti di adottare comportamenti economici indipendenti e, quindi, di utilizzare il più importante strumento concorrenziale, ossia il prezzo della prestazione”.
Nel dettaglio, nel comunicato dell’Antitrus relativo al parere sull’equo compenso per i professionisti si legge:

“In primo luogo, è stata segnalata la contrarietà ai principi concorrenziali di quanto previsto dall’art. 19 quaterdecies del ddl in esame, in tema di “equo compenso” per le professioni, che introduce il principio generale per cui le clausole contrattuali tra i professionisti e alcune categorie di clienti, che fissino un compenso a livello inferiore rispetto ai valori stabiliti in parametri individuati da decreti ministeriali, sono da considerarsi vessatorie e quindi nulle. La disposizione, nella misura in cui collega l’equità del compenso a paramenti tariffari contenuti nei decreti anzidetti, reintroduce di fatto i minimi tariffari, con l’effetto di ostacolare la concorrenza di prezzo tra professionisti nelle relazioni commerciali con alcune tipologie di clienti c.d. “forti” e ricomprende anche la Pubblica Amministrazione.

L’Autorità ha sottolineato come, secondo i consolidati principi antitrust nazionali e comunitari, le tariffe professionali fisse e minime costituiscano una grave restrizione della concorrenza, in quanto impediscono ai professionisti di adottare comportamenti economici indipendenti e, quindi, di utilizzare il più importante strumento concorrenziale, ossia il prezzo della prestazione. Tale intervento, laddove approvato nei termini proposti, determinerebbe un’ingiustificata inversione di tendenza rispetto all’importante e impegnativo processo di liberalizzazione delle professioni in atto da oltre un decennio e a favore del quale l’Autorità si è costantemente pronunciata, né risponde ai principi di proporzionalità concorrenziale. Inoltre, eventuali criticità connesse all’elevato potere di domanda potrebbero essere affrontate attraverso un migliore utilizzo delle opportunità offerte da nuovi modelli organizzativi o dalle misure recentemente introdotte dal Jobs Act per tutelare i lavoratori autonomi in situazioni di squilibrio contrattuale e non tramite la misura in questione, che avrebbe l’unico effetto di alterare il corretto funzionamento delle dinamiche di mercato e l’efficiente allocazione delle risorse.

Maggiori info sul sito PMI

Cumulo pensioni professionisti

A un anno dall’introduzione del cumulo gratuito dei contributi per la pensione dei professionisti, partono finalmente le domande: INPS e AdEPP hanno raggiunto l’accordo firmando il 20 febbraio la convenzione che sblocca le operazioni (appuntamento in calendario per le 17:30, dopo l’assemblea AdEPP ).

Lo sblocco arriva dopo mesi di attesa successivi alla pubblicazione delle istruzioni operative INPS (circolare 140/2017) e di quelle di gran parte degli istituti previdenziali interessati.
Il cumulo pensione professionisti parte dunque per gli iscritti ai seguenti enti previdenziali: Cassa Notariato, Cassa Forense, Inarcassa (archiettti e ingegneri), CNPADC (commercialisti), ENPAV (veterinari), ENPACL (consulenti del lavoro), ENPAF (farmacisti), ENPAP (psicologi), ENPAPI (infermieri), INPGI (giornalisti), ENASARCO (agenti di commercio), ENPAIA (impiegati dell’agricoltura), EPAP (attuari, agronomi, chimici, geologi), ONAOSI (assistenza orfani sanitari italiani), ENPAM (medici), ENPAB (biologi), EPPI (periti industriali), Cassa geometri, Cassa ragionieri.
L’impianto resta comunque quello previsto dalla circolare INPS. La pensione di vecchiaia in cumulo si ottiene alla maturazione del requisito più elevato fra quelli previsti dalle diverse gestioni di appartenenza, mentre per la pensione anticipata il requisito è per tutti quello previsto dalla Riforma Fornero 2011 (42 anni e dieci mesi per gli uomini e 41 anni e dieci mesi per le donne, a cui l’anno prossimo si aggiungeranno i cinque mesi di scatto per l’adeguamento alle aspettative di vita).

ISPRA, manuale per il monitoraggio nazionale delle sostanze estremamente preoccupanti

logo ISPRALe sostanze definite dal Regolamento REACH "estremamente preoccupanti" dovrebbero essere oggetto di indagini conoscitive per appurare la possibile presenza di contaminazioni ambientali, anche al fine di predisporre efficaci interventi di gestione del rischio. La pubblicazione Ispra riporta in una prima parte gli esiti del progetto relativamente ai criteri da seguire per la definizione di una campagna di monitoraggio, la seconda parte è poi dedicata alla realizzazione del monitoraggio.

Scarica il manuale

 

ISPRA, Linee guida per la determinazione dei valori di fondo per i suoli ed per le acque sotterranee

logo ISPRAIl documento si propone di armonizzare, a livello del Sistema Nazionale di Protezione dell’Ambiente (SNPA), le definizioni di alcuni termini inerenti il fondo e di individuare i criteri di acquisizione, elaborazione e gestione dei dati finalizzati alla determinazione dei valori di fondo per suoli ed acque sotterranee.
Scarica documento sul sito ISPRA

CE: Novità progetti LIFE

logo minAmbienteCon la decisione di esecuzione (UE) 2018/210 del 12 febbraio 2018 è stato adottato il Programma di lavoro pluriennale LIFE per il periodo 2018-2020 (MAWP 2018-2020), che tiene conto dei recenti aggiornamenti nella politica dell’UE, come il "piano d’azione per l’economia circolare" e il "piano d'azione per la natura, i cittadini e l’economia".

Il documento specifica in che modo, nei prossimi tre anni, il programma LIFE, l’unico strumento di finanziamento dell’UE dedicato esclusivamente all’ambiente, alla conservazione della natura e all’azione per il clima, orienterà i candidati verso le priorità strategiche dell’UE, ripartirà il proprio bilancio complessivo (pari a 1.657.063.000 euro) tra i settori prioritari dei due sottoprogrammi e tra i diversi tipi di finanziamenti, snellirà i passaggi amministrativi per la richiesta del cofinanziamento. Il nuovo Programma di lavoro pluriennale LIFE, inoltre, delinea la metodologia che verrà utilizzata per la selezione dei progetti e i criteri di selezione ed aggiudicazione delle sovvenzioni, esplicitando anche i calendari indicativi sia per le sovvenzioni che per gli strumenti finanziari.
Tra i tanti cambiamenti introdotti nel MAWP 2018-2020 per semplificare il programma LIFE e, in particolare, le procedure di gestione delle sovvenzioni, è prevista la sperimentazione di un metodo a due fasi per la presentazione delle domande per i c.d. "progetti tradizionali" (basato su una "descrizione di massima", seguita da una proposta progettuale dettagliata), alla luce di quanto avanzato nella valutazione intermedia del programma LIFE e dell’esperienza positiva maturata con i metodi a due fasi in altri programmi dell’UE.
In merito a entrambi i sottoprogrammi, infine, con il nuovo Programma di lavoro pluriennale LIFE:
- è dato maggiore risalto alla necessità di prosecuzione, replica e/o trasferimento dei risultati dei progetti nella fase di aggiudicazione delle sovvenzioni;
- è incoraggiato l’ulteriore coinvolgimento degli enti privati sottolineando i vantaggi degli approcci "close to market" quale strumento per garantire la sostenibilità dei risultati dei progetti;
- è prevista l’introduzione dell’obbligo per i progetti di produrre effetti misurabili sull’ambiente o sui cambiamenti climatici in tutti i settori prioritari.
Scarica documento

University Gottingen: 12 posti di dottorato

The Research Training Group RTG 2070 "Understanding Social Relationships" (Speaker: Prof. Julia Fischer) at the University of Göttingen and the German Primate Center offers 12 PhD positions beginning on October 1st, 2018. The scientific disciplines involved are Behavioral and Cognitive Biology, Psychology, and (Psycho-) Linguistics.

The research projects of the RTG focus on the social relationships of human and non-human primates. The common aim is to identify core principles explaining the development, maintenance and function of social relationships. Research is structured in the three domains "social signals", "social monitoring" and "social coordination".

Detailed information on the application process, the research projects and the training program are available at www.uni-goettingen.de/social-relationships. Application deadline is April 10th. Please find the job advertisement attached.

Interested candidates are welcome to contact:

Dr. Rebecca Jürgens

Cognitive Ethology Lab
RTG 2070 "Understanding Social Relationships"
PhD Program "Behavior and Cognition"

Deutsches Primatenzentrum GmbH
Leibniz-Institut für Primatenforschung
Kellnerweg 4, 37077 Göttingen

Tel: +49 551 3851-218
Fax: +49 551 3851-489
E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
RTG 2070:https://www.uni-goettingen.de/de/509586.html
BeCog:http://www.uni-goettingen.de/en/217295.html

Vorsitzender des Aufsichtsrates: MDgt Rüdiger Eichel
Geschäftsführer: Prof. Dr. Stefan Treue, Assessor jur. Michael Lankeit
Sitz der Gesellschaft: Göttingen
Handelsregister: Göttingen HRB 933

Rassegna normativa 3/2018

Prosegue questa rubrica che riporta alcuni aggiornamenti normativi in materie di interesse degli iscritti all'Associazione Biologi del Veneto
Le fonti consultate sono riferibili a normativa europea, italiana e della Regione Veneto
L’attività di rassegna, non esaustiva, viene effettuata da Dr. ssa Fabia Franco.

AMBIENTE

 

Legge Regionale 16 marzo 2018, n.13

Norme per la disciplina dell’attività di cava

LR_cave.pdf

 

nuova legge sulle cave, rinnovata a trentasei anni dalla precedente,

UNIGE: Master universitario nutrizione

Università di Genova promuove il Master universitario gratuito di II livello "Biologo nutrizionista esperto in approcci integrati per la salute umana".

Il Master fa parte di 21 Master universitari gratuiti finanziati da Regione Liguria tramite Fondo Sociale Europeo ed è destinato a laureati magistrali, inoccupati o occupati, in Biologia.

Il Master vuole formare professionisti esperti in approcci integrati alla nutrizione, rispondendo alla richiesta della popolazione di essere guidata verso un’alimentazione personalizzata, sulla base di fattori di  rischio, età ed esigenze e verso stili di vita salutari. Il Master fornirà competenze per costruire una relazione ottimale con il paziente e per collaborare con le altre figure professionali impegnate nella gestione e tutela della salute, oltre che indirizzare all’attività libero-professionale.

A conclusione del Master è previsto un periodo di stage finalizzato alla creazione di impresa e all'assunzione presso le aziende e gli enti coinvolti.

Data la gratuità dell'iniziativa, che può costituire per molti una preziosa occasione, richiediamo la vostra collaborazione per la diffusione attraverso i vostri canali di comunicazione come sito web, social network, ecc..
Per maggiori informazioni, potete visitare il sito del Master https://www.perform.unige.it/master/masterfse/master-biologo-nutrizionista.html
o il depliant informativo https://www.perform.unige.it/images/MasterFSE/MasterBiologoNutrizionista/depliant_master_biologo_nutrizionista.pdf
L'elenco completo dei 21 Master è disponibile su www.masterfse.unige.it.

Ecomondo: 22a edizione

Ecomondo2017a

Ecomondo è l'appuntamento di riferimento per la green e circular economy nell'area euro-mediterranea
Un evento internazionale con un format innovativo che unisce in un'unica piattaforma tutti i settori dell'economia circolare: dal RECUPERO di MATERIA ed ENERGIA allo SVILUPPO SOSTENIBILE. Nel settore della green e circular economy l’Italia è ai primi posti in Europa, in particolare nell’efficienza energetica, nel riciclo dei rifiuti e nella produttività delle risorse.

Per questo motivo, Ecomondo si posiziona nel panorama internazionale come appuntamento di riferimento

  • Ecomondo 22a edizione
  • 6-9 novembre 2018
  • Rimini - Italy

AIIAD: Congresso nazionale a Roma in ottobre

Il XVII Congresso Nazionale della Associazione Italiana Ittiologi Acque Dolci (A.I.I.A.D.),

“Monitoraggio e gestione delle principali risorse viventi delle acque dolci italiane: i pesci e i decapodi”

avrà luogo a Roma, nei giorni 24-27 ottobre 2018

Comitato organizzatore (in ordine alfabetico): Paolo Tito Colombari (ARSIAL), Massimiliano Scalici (Università Roma Tre), Federica Spani (Università Roma Tre), Lorenzo Tancioni (Università Tor Vergata), Lorenzo Traversetti (Università Roma Tre).
Scadenze:

termine ultimo per l’invio dell’abstract via email (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) 22 giugno 2018 ore 18:00 
comunicazione dell’accettazione dell’abstract entro 13 luglio 2018 ore 18:00;
termine ultimo per le iscrizioni al convegno 1 settembre 2018 ore 18:00;
termine ultimo per l’invio del manoscritto esteso 14 settembre 2018 ore 18:00 (per le modalità di invio del manoscritto vedi le istruzioni riportate sul sito della rivista)

Quote di iscrizione:

30 euro per i soci AIIAD (90 euro per le iscrizioni oltre 1 settembre 2018 ore 18:00);
50 euro per i non soci (150 euro oltre 1 settembre 2018 ore 18:00);
iscrizione gratuita per studenti e dottorandi grazie alla copertura delle spese da parte di AIIAD, ma non potranno in alcun caso iscriversi oltre le ore 18:00 del giorno 1 settembre 2018.
Programma scientifico
Il programma scientifico sarà pubblicato in forma indicativa nella seconda circolare; in forma definitiva nella terza e ultima circolare. I lavori saranno articolati in sessioni plenarie moderate da uno o più chairman. Ogni sessione prevederà la presentazione orale in aula, con il supporto di immagini, delle comunicazioni con una durata massima di 15 minuti per ciascun intervento. Lo spazio per i poster (dimensioni massime cm 120 x 90) sarà allestito presso la sede del Congresso; compatibilmente con il numero dei contributi presentati potrà essere prevista anche una breve illustrazione in aula dei poster, con modalità e tempi che saranno eventualmente definiti con le prossime circolari.
Per le norme editoriali valgono quelle riportate sul sito AIIAD relative alla rivista “Italian Journal of Freshwater Ichthyology” (Istructions for Authors, con particolare riferimento al punto 11).

Raccomandiamo di rivedere la pagina Info, in particolare le politiche delle sezioni della rivista, e le linee guida per l'autore. Gli autori devono registrarsi per effettuare la prima submission alla rivista, o se già registrato può semplicemente fare il log in e cominciare il processo guidato in 5 fasi.

Prima dell’accettazione i lavori saranno esaminati con referaggio a doppio cieco da uno o più membri del comitato scientifico o da altri esperti. I riassunti saranno pubblicati, previa accettazione da parte dei referees, in un volumetto che sarà consegnato agli iscritti insieme al programma del Congresso, al momento del ritiro del materiale congressuale. La decisione di esporre i contributi accettati come poster o come comunicazioni sarà presa dal Comitato Organizzatore previa consultazione con il Comitato Scientifico; gli autori sono tuttavia invitati a suggerire, all’atto dell’invio del lavoro, la modalità preferita (comunicazione o poster) per la presentazione del proprio contributo. Saranno presi in considerazione unicamente i lavori allegati alla scheda di iscrizione e all’attestazione di avvenuto pagamento della quota prevista.

logorivista

IAHR Europe Congress

IAHR 6

The 5th IAHR European Congress will host the session:

“ST.4 Monitoring, modelling, and assessment tools for ecological river restoration”

The conference will be held in Trento, Italy, from 12 to 14 June 2018

The Call for Contributions is open and extended abstracts (2 pages maximum) are due by 31 January 2018.

All the information on the abstract submission process is available on:

http://events.unitn.it/en/iahr2018/call-abstract

ISS: Convegno Buona pratica di laboratorio

logoISS

2° Convegno Nazionale sull’attuazione dei principi di Buona Pratica di Laboratorio (D.L.vo n. 50 del 2 marzo 2007) Aggiornamento per Ispettori e Figure professionali afferenti ai Centri di Saggio BPL

Data 08 maggio 2018 Scadenza iscrizione: 04 maggio 2018
Crediti ECM: non previsti
Contattaci: Maria Teresa Volpe (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)
Telefono: 06 4990.2699 Fax: -
Sede: Istituto Superiore di Sanità, Aula Pocchiari - Viale Regina Elena, 299 ROMA
Quota d'iscrizione: Gratuita

Scarica scheda info

ISS: Convegno impatto patogeni sul sitema trasfusionale

 

Impatto dei patogeni emergenti sul Sistema Trasfusionale

Data 10 maggio 2018 Scadenza iscrizione: 04 maggio 2018
Crediti ECM: Medico Chirurgo, Infermiere, Biologo, Tecnico di Laboratorio
Contattaci: Andrea Aguzzi (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)
Telefono: 06 4990.4958 Fax: -
Sede: Istituto Superiore di Sanità, Aula da definire
Quota d'iscrizione: Gratuita

Scarica scheda info

ISS: Convegno controllo fitosanitari

logoISS

XIV Convegno "Attività dell'Amministrazione Pubblica in materia di controllo dei prodotti fitosanitari e dei residui di fitofarmaci negli alimenti"

Data 22 novembre 2018 Scadenza iscrizione: 16 novembre 2018
Crediti ECM: non previsti
Contattaci: Silvana Girolimetti (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)
Telefono: 064 990.2358 Fax: 06 4990.2358
Sede: Aula Pocchiari - Viale Regina Elena, 299 - Roma
Quota d'iscrizione: Gratuita

Scarica scheda info

ABV: Biologi in rete

logoABV1bisAPPROVATO00

PREMIO


BIOLOGI IN RETE

 

REGOLAMENTO

Art.1 Obiettivi
ABV, Associazione dei Biologi del Veneto, con sede a Padova, intende selezionare un progetto finalizzato a promuovere le attività e l’immagine di ABV attraverso i canali social e gli strumenti del web più idonei.

Art.2 Destinatari
All’iniziativa possono partecipare tutti i colleghi Biologi o laureati o in corso di laurea che intendono proporre e realizzare un progetto utile a far crescere l’Associazione anche attraverso i più innovativi strumenti di divulgazione e comunicazione.

Art.3 Oggetto del premio
Al soggetto che presenterà il progetto valutato come migliore da parte della Commissione di valutazione, verrà assegnato un premio forfettario lordo e una tantum di 1.000,00€ finalizzato alla realizzazione di quanto previsto nel progetto per almeno 1 anno di attività. Eventuali spese accessorie sono escluse dal premio e potranno essere a carico di ABV, previa valutazione del Consiglio Direttivo.
Il progetto vincitore riceverà una quota del 20% del premio al momento della comunicazione della vincita e il restante 80% in maniera frazionata al raggiungimento dei singoli obiettivi.

Art.4 Modalità di partecipazione
Le proposte presentate dovranno rispondere alle specifiche riportate nel presente regolamento e complete di lettera di presentazione e della documentazione richiesta.
A titolo indicativo e non esaustivo, saranno valutati progetti per la creazione/sistemazione di:
• pagina web,
• pagina Facebook,
• altri canali social,
• newsletter
• altre modalità di coinvolgimento dei Biologi su attività pertinenti alla professione.
Eventuali spese accessorie (es: pacchetti servizi web) dovranno essere indicate nella proposta, in modo da esplicitare il costo del progetto.
La proposta dovrà essere strutturata secondo i seguenti titoli:
a. dati fiscali del proponente
b. obiettivi specifici
c. materiali e strumenti utilizzati
d. costi specifici
e. tempi di sviluppo
f. ore messe a disposizione per l’implementazione del progetto
g. prodotti consegnati
La partecipazione all’iniziativa è gratuita; ulteriori informazioni possono essere richieste direttamente a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Art.5 Commissione di valutazione
I progetti presentati verranno valutati da una Commissione formata da Esponenti del Consiglio Direttivo di ABV e da esperti nella comunicazione.

Art.6 Criteri di valutazione
La Commissione di valutazione stilerà una graduatoria delle proposte presentate assegnando ai progetti un punteggio definito secondo la seguente metodologia:
Completezza e coerenza della proposta progettuale max punti 10
CV della/del Collega Biologa/o proponente e attenzione verso il web max punti 10
Presenza di un piano di sviluppo modulare delle attività max punti 10
Presenza di una analisi comparativa con altri enti max punti 5
Attenzione al target “Biologico” della comunicazione max punti 5
Eventuali contestazioni e osservazioni potranno essere inviate a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., per essere valutate, contro dedotte o accolte dal Presidente, sentito il Segretario ed il Tesoriere di ABV.

Art.7 Scadenza
Le proposte dovranno pervenire all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro e non oltre il 20/04/2018.


Art. 8 Riservatezza dei dati
Tutte le informazioni raccolte con il presente bando saranno finalizzate esclusivamente alla valutazione dei progetti e redazione di una graduatoria, nel rispetto della riservatezza. Il responsabile del trattamento dei dati personali, ai sensi del D. Lgs 196/03 è Devis Casetta, Presidente ABV Via Del Cristo, 26.

Padova, 28 febbraio 2018

Convegno: Biodiversità 2018

Il XII° Convegno Nazionale sulla Biodiversità, organizzato dall’Università degli Studi di Teramo in cooperazione con le Università degli Studi dell’Aquila e “G.D’Annunzio” di Chieti-Pescara, il Consiglio Nazionale delle Ricerche, Il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria, l’Accademia Delle Scienze della Biodiversità Mediterranea, prosegue il confronto e dialogo avviato 23 anni fa, tra scienziati, referenti istituzionali e politici, su tematiche relative agli ambiti, tra loro complementari, del trittico della biodiversità (intraspecifica, interspecifica, ecosistemica) per contribuire a promuovere l’avanzamento delle conoscenze sulla base dei risultati della ricerca fondata sul rigore del metodo scientifico. In particolare, il XII Convegno ha come preminente obiettivo di trattare studi e ricerche su “Biodiversità, Ambienti, Salute”, con particolare riguardo alle interazioni tra gli ambienti terrestri ed acquatici.
Una innovativa strategia di salvaguardia della biodiversità che riguarda non solo gli ambienti primari terrestri ed acquatici, formatisi attraverso milioni di anni, ma anche degli ambienti naturali secondari determinati dall’azione dell’uomo durante i secoli, in particolare negli ultimi decenni, che dai “campi coltivati” hanno condotto alle attuali aree rurali, fino alle aree marine protette. Una specificità autoctona che assume un ruolo fondamentale nella rivitalizzazione delle economie ‘tradizionali, grazie al modello culturale, colturale e di allevamento ecosostenibili. Una rivitalizzazione dei territori che mira a valorizzare tramite le conoscenze genetiche, biochimiche, microbiologiche, fisiologiche, bioinformatiche, agronomiche, botaniche, zootecniche, di scienze naturali, ambientali, le pathway metaboliche in grado di individuare dei biotipi con finalità agroalimentari ad elevato contenuto salutistico.

Info e programma

ENPAB: Giornata del biologo nutrizionista 2018

logo enpab web

Quinta edizione della Giornata Nazionale Biologo Nutrizionista che si terrà quest'anno il 19 e 20 maggio prossimi a Padova con il patrocinio dell'Associazione Biologi del Veneto.

Aspettiamo le vostre candidature che potranno pervenire dal 6 al 26 marzo.

Per partecipare alla selezione dovrete compilare il format presente nel sito https://www.enpab.it/  e inviare il vostro cv al responsabile della piazza nella quale vorrete partecipare (referente per il Veneto Dr. ssa Alessia Grillo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

Si può inviare UNA SOLA DOMANDA, per UNA SOLA SEDE. Pena l’esclusione dall’iniziativa.

Le graduatorie dei partecipanti, formate con riferimento all'ordine di arrivo, saranno pubblicate il 17 aprile.

GNBN2018

Questo sito utilizza cookies per la sua funzionalità. Utilizzandolo accetti che vengano scaricati sul tuo apparecchio.

Leggi la privacy policy

Leggi la direttiva europea sulla e-privacy

Hai rifiutato i Cookie. Questa decisione può essere cambiata.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.